Le Cucine di Casa Nostra

Le Cucine di Casa Nostra

mercoledì 10 dicembre 2014

Il pane nel Versilia

L'abbiamo presentato al nostro ultimo corso, è un procedimento un pò lungo da fare, ma visto che ci è stato richiesto da più di qualcuno condivido di seguito la nostra ricetta ai cereali.

Il Versilia trovo che sia uno strumento fantastico è anche detto il 'forno sul fornello' una cosa dei nostri nonni, ma  mai diventata desueta.

Ma ora passiamo al bello.

Preimpasto:

40 gr. di pasta madre
140 gr. di acqua
120 gr. di farina Manitoba

Sciogliete il lievito con l'acqua ed aggiungetevi la farina, e lasciate lievitare per almeno 4 ore.

Impasto Ingredienti:

Preimpasto
250 gr. di acqua (200+50)
200 gr. di farina 0
300 gr. di farina ai 5 cereali
20 gr. di olio di arachidi
10/15 gr. di sale
20/30 gr. di semi di sesamo o papavero

Procedimento:

Sciogliere bene il preimpasto con 200 gr. di acqua.
Iniziare poi ad aggiungere gradualmente la farina, impastare per qualche minuto e aggiungere il sale con i restanti 50 gr. di acqua.
Incorporare i 20 gr. di olio e impastare fino ad ottenere un'impasto liscio e omogeneo.
Far riposare poi per circa 30 min. coperto.
Riprendere l'impasto e fare una serie di pieghe a 3.
Metterlo poi in una ciotola unta di olio e mettere in frigo coperto da pellicola fino al giorno dopo.

Il giorno dopo lasciarlo a temperatura ambiente per circa 1 o 2 ore.
Formare poi 6 palline di circa 110/120 gr, ciascuna e metterle a lievitare nel versilia con carta forno fino al raddoppio.



Spennellare poi la superficie con del latte e far aderire i semini




Ora è il momento della cottura, usare un fuoco da 5 cm., mettere al massimo per 5 minuti e poi abbassare il fuoco al minimo e continuare la cottura per altri 60/70 minuti, trascorsa l'ora potete aprire il coperchio del versilia e controllare la cottura che potrà dipendere anche dal tipo di farina utilizzata.

E adesso non vi resta altro che gustarlo!





































domenica 2 novembre 2014

GRAZIE

Un sincero grazie!
Grazie a tutti e 30 i partecipanti del nostro piccolo corso base sulla p. madre.

Grazie per la vostra pazienza e la vostra partecipazione!

Ogni volta torno a casa stanca, ma arricchita e questo grazie a voi, alle vostre storie, passioni e ricette.
Perchè in cucina non si è mai finito di imparare..

Grazie ancora e a presto!

mercoledì 29 ottobre 2014

Cosmofood

COSMOFOOD, PREVISTI 300 ESPOSITORI (+100% RISPETTO AL 2013) AL SALONE DELL’ENOGASTRONOMIA ITALIANA

Dall’1 al 4 novembre 2014 la società Mantova In srl organizza in Fiera di Vicenza il principale appuntamento nel Triveneto per il settore. In programma 75 eventi (quasi raddoppiati rispetto al 2013) e tra le novità le aree Cosmowine, Cosmobeer e Cosmotech.

Dopo il successo della prima edizione, con i suoi 20.000 visitatori, Cosmofood 2014 ospiterà circa 300 espositori provenienti da tutte le regioni italiane, cresciuti del 100% rispetto al 2013, un incremento che ha indotto gli organizzatori ad allestire l’edizione di quest’anno all’interno dei 15 mila mq del nuovo Padiglione 7 di Fiera di Vicenza. E che accredita il Salone quale punto di riferimentoper il settore enogastronomico triveneto e italiano.

Cosmofood è la prima Manifestazione del settore in Triveneto a rivolgersi contemporaneamente ad appassionati ed addetti ai lavori,grazie ad un format interattivo che coinvolge i visitatori in 75 eventi tra corsi di degustazione e di cucina, seminari e show cooking, momenti di formazione e dimostrazioni dedicati al buon mangiare all’innovazione in cucina. Un Evento che coinvolge le più importanti associazioni, come ONAF, ONAV, AIS, AIPO, AMIRA, varie scuole di cucinafoodblogger e rinomati chef, tra cui Carlo Cracco, che sarà presente allo stand Electrolux il pomeriggio di martedì 4 novembre, e Lorenzo Cogo, lunedì 3 novembre.

Durante i quattro giorni di Cosmofood, visitatori e buyer potranno conoscereassaggiare e acquistare le migliori produzioni di salumi, vino, formaggi, olio, dolci, e molti altri prodotti tipici provenienti dal territorio italiano e dal centro EuropaSaranno sette le aree tematiche in cui verrà suddiviso il padiglione fieristico. Oltre alle  tre grandi novità del 2014, CosmowineCosmobeer eCosmotech, si aggiungono l’area food, l’area ristorazione, l’area bio-vegan-gluten free e l’area eventi.

lunedì 20 ottobre 2014

Focaccia Eva

Eccoci qui tornate anche questa volta con solo un paio di foto...portate pazienza..

Si sente tanto parlare nel web ormai di questa famosa e buonissima aggiungerei io, pizza 'Eva'.

E così noi invece con lo stesso impasto, giusto per cambiare un pochino, abbiamo fatto non la pizza, ma la focaccia, anzi le focacce, farcite in 3 modi diversi, con le olive verdi, con i pomodorini secchi e con origano e sale grosso.

Queste sono le foto dell'impasto prima e delle focacce pronte da cuocere poi.





















mercoledì 15 ottobre 2014

martedì 7 ottobre 2014

Mocaccina - Ernst Knam

Sono riapprodata qui, nel mio ricettario virtuale, e oggi ho voglia di condividere una buonissima torta del maestro Knam, da quando diverso tempo fa ho acquistato un suo libro, mi diverto a cimentarmi quando ne ho l'occasione, in alcune delle spettacolari ricette che sono pubblicate, e molto spesso ci faccio anche qualche modifichina, tipo in questa, dove al posto del caffè solubile, a me poco consono, ho utilizzato una buona tazzina di espresso ristretto, e al posto della frolla al cioccolato ho usato una normale.

Ma ora vi riporto la ricetta pari pari come ce l'ho io sul libro.

Ingredienti per uno stampo piccolo:

Pasta frolla al cacao: 300 gr.
Crema pasticcera: 250 gr.
Ganache al cioccolato:250 gr.
Caffè solubile: 30 gr. (io sostituito con un ristretto)
Panna liquida: 100 gr.
Cioccolato bianco tritato: 200 gr.

Per prima cosa preparare la frolla, la crema pasticcera e la ganache al cioccolato, per quest'ultima usare 110 ml di panna liquida e 150 gr. di ciocco fondente tritato. Farla è molto semplice basta portare a bollore la panna con il caffè e poi unire il cioccolato e amalgamarlo con una frusta finchè non sarà del tutto emulsionata. Mentre per la frolla e la crema past. lascio alla versione di ognuno anche se quelle che preferisco sono proprio quelle di Knam, ma ve le spiegherò magari in un'altro post.

Ora torniamo alla ricetta, mescolare con una frusta la crema e la ganache fino a ottonere una crema liscia e morbida.
Stendere la frolla a uno spessore di 3 mm. e foderare una tortiera precedentemente imburrata.
Riempite metà dello stampo con la crema al cioccolato e infornate a 175° per 35 min. ca.
Sfornate e fate raffreddare.

Preparate la ganache al cioccolato bianco: portate a bollore la panna liquida, unite il cioccolato bianco e amalgamate con una frusta.

Quando la torta sarà ben fredda versate sopra la ganache al cioccolato bianco, poi decorate come più vi piace e mettete in frigo per circa un'ora.

Con lo stampo piccolo abbiamo mangiato una fettina a testa in 8 persone, non grandissima, ma il giusto visto che è un dolce davvero molto cioccolatoso.
Con la decorazione devo migliorare molto, ma ecco la foto del mio.



mercoledì 1 ottobre 2014

Brioche con Licoli

Eccomi tornata, con calma come da un pezzo ultimamente..
Ma qui tra una cosa e l'altra non riesco mai a mettermi a pc per scrivere e leggere le varie ricette.

Oggi non vi posto una ricetta, ma come avevo accennato nell'ultimo post, alla fine ho provato a fare le benedette brioche con il licoli, e devo dire...spettacolari!!
Mai venute così con la p.m. normale, l'unica pecca che ho notato con questo lievito è che le cose son buone appena fatte, il giorno dopo già si comincia a sentire che sono vecchie, mentre con la p.m. solita duravano tranquillamente due tre giorni..però eheh non si può pretendere tutto.

La prossima infornata proverò a cambiare un pò la lievitazione in modo da riuscire a cuocerle la mattina e mangiarle così subito subito.

Per ora vi lascio le due foto che ho fatto, e tornerò mi auguro a breve con invece la ricetta di una crostata di Knam 'la Mocaccina'

Ciao e alla prossima!




giovedì 18 settembre 2014

Il nostro corso con 'Renato Bosco' - Pizza e pane a lievito madre

Un bel buongiorno a tutti!
Finalmente sono tornata a scrivere qui, e voglio condividere non una ricetta, ma un'esperienza che abbiamo fatto.

Abbiamo partecipato lo scorso fine settimana ad un meraviglioso corso della durata complessiva di quasi 10 ore in due giorni, con il grande maestro Renato Bosco, che io definirei una delle eccellenze della nostra Italia.
Un maestro pizzaiolo che ha ottenuto il massimo dei riconoscimenti dal Gambero Rosso.
Per chi non lo conoscesse, potete vederlo nel sito della sua pizzeria, Saporè di Verona, che è sicuramente uno di quei posti in qui almeno una volta nella vita bisogna andare, bisogna provare le sue creazioni.

Io prima del corso non avevo mai provato una sua pizza, ho avuto l'occasione di assaggiare quella di Padoan, un altro grandissimo pizzaiolo, ma dopo due giorni passati ad assaggiare ciò che è stato creato da quelle mani esperte, ora, dico la verità, non ho più cuore di mangiare altre pizze.

Abbiamo imparato delle cose che sono effettivamente difficili da spiegare qui, anche da fare lo ammetto, la prima prova della pizza fatta come insegnata da lui, ecco l'ho auto definita imbarazzante, mi sà che ho sbagliato qualcosina... ci riproverò!
Per ora sto facendo le brioche con il Licoli (lievito madre 'liquido') che ci ha regalato Bosco, vediamo se vengono, è una piccola sfida con me stessa, perchè non sarebbe esattamente il l.madre migliore da usare per farle.

Molto interessante è stato anche vedere dal vivo i vari tipi di lieviti madre usati però quasi solamente nella ristorazione, che apparte il licoli, molto facile da usare in casa, erano il lievito legato e quello in acqua, entrambi con un idratazione del 40%, e sopratutto, quello in acqua davvero complicati da mantenere in vita in un'ambiente casalingo con le tempistiche di una persona normale.

Il corso l'abbiamo fatto al Mulino Quaglia, per intenderci i produttori di farina Petra, anche il prezzo per l'intensità del corso non era poi così eccessivo, ora siamo in aspettazione di vedere se il mulino deciderà di tenere altri corsi per i non professionisti!
La cosa divertente..in due alla fine ci siamo fatte scorta di farine allo spaccio del mulino aperto apposta per i corsisti che volevano comprarsi un pò di farina, e siamo venute a casa con un totale di ben 45 Kg. di farine varie!!! Pazze.

Ora vi metto qualche foto.

Qui il nostro arrivo, e la foto con il maestro..






















E qui invece gli impasti e alcuni dei risultati di pane e pizza, anche se poi in realtà ci ha mostrato come fare altre cose fantastiche come la pizza rovesciata e quella ripiena..























E dopo aver condiviso queste belle foto, vi saluto e alla prossima!

lunedì 28 luglio 2014

Crostata con crema pasticcera alle pesche

Ciao a tutti!!
E' inutile che vi tedio con quanto poco spesso vengo qui ormai, nel mio angolino piccino di web, ma il tempo libero è molto poco, io in questo periodo sono anche molto stanca, e mi rendo conto che dovendo scegliere, sto preferendo usare il tempo per finire di leggere un libro che avevo inziato, mi sembra si chiami 'un'amore di cupcake', ma l'autrice proprio non la ricordo.
Ultimamente mi accorgo che tutti i libri che sto leggendo hanno a che fare con la cucina in qualche modo, sono sempre storie ambientate in ristoranti o cose simili, qualche mese fa avevo letto 'piccoli limoni gialli' e via così anche i meno recenti, ormai c'è una tara fissa non ci posso far nulla, il mio aghetto interno è puntato verso il food, letto, scritto o provato che sia...

Ma ora passiamo a questo dolcetto fatto così, perchè avevo un paio di pesche che stavano urlando usaci.. è un dolce semplice semplice, la frolla l'avevo in freezer perchè l'ultima volta ne avevo fatta un bel pò...

La ricetta per la frolla la trovate qui  http://lecucinedicasanostra.blogspot.it/2014/03/crostata-al-limone-e-cioccolato.html

Mentre per la crema servono:

6 tuorli
600 ml di latte
100 gr. di zucchero
30 gr. di amido di mais
15 gr. di farina
2 pesche mature

Procedimento:

Per prima cosa mettete il latte sul fuoco, nel frattempo nella planetaria mettete i tuorli e lo zucchero, e come insegna il maestro Knam, l'importante che appena aggiungete lo zucchero iniziate subito a montare altrimenti si rischia che le uova si 'cucinino' e la crema venga con dei bruttissimi puntini gialli.
(io in questo caso non ho messo la vaniglia avendo le pesche)

Una volta montati i tuorli aggiungere un paio di cucchiai di latte prima che questo inizi a bollire, aggiungere la farina e l'amido e continuare a montare un pochino, aggiungere poi il tutto al latte e far addensare su fuoco basso continuando a mischiare per circa un paio di minuti.

Far bollire le pesche in modo che si ammorbidiscano un pò, raffreddarle e spellarle.
Una la tagliate in pezzetti mentre l'altra la frullate, aggiungete poi entrambe alla crema e amalgamate, coprite con pellicola a contatto e mettete in frigo a raffreddare.

Nel frattempo stendete la frolla su una tortiera e cuocete coperta da carta forno e fagioli secchi a 180° per 25 min, togliete la carta e continuate la cottura per altri 5 min.
Fate raffreddare il guscio di frolla e poi aggiungete la vostra crema alle pesche, io poi ho guarnito con gocce di cioccolato e due foglioline di menta, et voilà la vostra crostatina estiva pronta!

Ciao e alla prossima







lunedì 14 luglio 2014

Zucchine tonde ripiene

Un buon giorno a tutti!
Qui ormai di sentir parlare di pioggia proprio non se ne può più, e tra il ciclone Gea, e la pioggia che tutt'ora insiste da una settimana il mio bell'orticello con le sue verdure se ne stà pian piano andando, sembra più una palude che altro...tristezza.

E così ieri sera ho cucinato le uniche 3 zucchine che sono riuscita a prelevare dall'orticello e ho deciso di farle semplici semplici ripiene.

Ingredienti:

3 zucchine tonde
1 scatoletta di tonno
pane grattugiato q.b.
olio evo
un pizzico di curry
un pizzico di zenzero
sale


Procedimento:

Per prima cosa ho tagliato la calotta delle zucchine e tolto la polpa, ho messo poi a bollire le zucchine 'vuote' e le calotte in acqua salata per circa 10 min.
Nel frattempo ho tagliato la polpa e fatta cuocere con un goccio di olio evo, il curry e lo zenzero, ho aggiunto il tonno sgocciolato, fatto cuocere un altro minuto e poi frullato il tutto, ho aggiunto un cucchiaio circa di pan grattato, ho tolto le zucchine dall'acqua, riempite con il composto e adagiate in un pirofila unta con dell'olio evo e infornato il tutto a 160° per circa 20/25 min.

Ed ecco il piatto pronto da gustare!

Ciao e alla prossima ricetta.




lunedì 30 giugno 2014

Cazzotti con Pasta Madre


Aspettando il prossimo corso di Cosmofood...... qui si impara a fare un pò di pane....

Guardate guardate:









Bella Soddisfazione!!

Ciao e alla prossima!



martedì 17 giugno 2014

Frittata al forno con Piselli Speck e Cipollotto

Ciao a tutti.
Oggi condivido con voi questa ricetta semplice semplice, e altrettanto veloce, ma gustosa

L'idea mi è venuta ieri mentre cercavo in dispensa il mais per farmi un’insalata, ho visto che oltre al mais avevo una bella scatoletta di piselli Bonduelle che mi ha fatto cambiare idea sulla ricetta e quindi ho optato per questa:

Ingredienti x 3-4 persone:


8 Uova
1 Confezione di piselli
1 Confezione di speck a cubetti
1 Cipollotto
Olio Evo.
Sale e Pepe Q.b.

Mezza tazzina di latte

Procedimento:

Per prima cosa tritare il cipollotto e farlo soffriggere nell'olio, aggiungere poi lo speck e a cubetti i piselli, lasciar andare a fuoco lento per 3/4 minuti e nel frattempo sbattere le uova in una terrina, aggiungendoci un pizzico di sale e il pepe a piacere, sbattere un'altro pò e aggiungere il latte, che conferirà morbidezza.
Unire le uova agli altri ingredienti e versare il tutto in una pirofila coperta con carta forno inumidita.

Infornare a 160° per 20/25 minuti, tagliare e servire calda.

Ed ecco che con poco sforzo potete ottenere un secondo facile e veloce.




















E per chi non conoscesse i prodotti Bonduelle, posso consigliarvi anche le lenticchie, che io ho utilizzato ben volentieri per diverse preparazioni





Ciao a tutti e alla prossima ricetta!



giovedì 12 giugno 2014

Zucchine Marinate con salsa di Ceci alla Menta

Buongiorno amici,
oggi mi sono obbligata a tornare a scrivere qui, non so come mai ma ho avuto un periodo in cui ho deciso di prendermi una pausa, forse non riuscendo a stare dietro a tutti i mille impegni di questo periodo, sto anche spostando un pò la disposizione delle stanze nella casa,  ho deciso di tralasciare la cosa più semplice da mollare, sarà anche perchè in questo periodo non ho cucinato nulla di così degno di nota da essere condiviso, ma ora ho deciso di rifarmi e ripartire.

E oggi condivido una ricetta molto leggera ma un pò diversa dal solito, e adatta a questo periodo così terribilmente caldo


Ingredienti  x 2 persone:

2/3  zucchine grossette
200 gr. di ceci già cotti (o in scatola)
5/6 rametti di menta fresca   (o a vostro gusto basilico o maggiorana o prezzemolo)
olio evo q.b.
succo di 1 limone 
sale 

Procedimento:

Tagliare le zucchine per il lato lungo con l'aiuto di un pelapatate o di una mandolina, devono essere sottili tipo carpaccio, coprirle con il succo del limone e due cucchiai di olio evo, il sale e lasciare a marinare per circa 1 ora.  Preparare la salsina frullando i ceci con la menta, un cucchiaio di olio evo e acqua quanto basta per rendere la salsa spalmabile.
Fare uno strato di zucchine, ricoprire con la salsina, fare un secondo strato di zucchine e ricoprire di nuovo.

Se invece volete servirlo come antipasto la dose è sufficiente per 4/5 persone, usate un coppapasta inserite all'interno le zucchine tagliate a pezzetti e fate strati alternati con la salsina a formare una torretta, qualche fogliolina di menta a decorate e sarà un successo estivo!

Ciao e alla prossima ricetta






mercoledì 28 maggio 2014

Lasagne al Ragù bianco e Bruscandoli

Eccomi finalmente ritornata.
che settimane concitate, talmente piene di impegni da volare via in un baleno, e così col tempo che se ne va troppo in fretta, quello che mi rimane per gli hobby come questo, è davvero poco.

Oggi ho deciso di prendermi 10 min. e condividere una delle tante ricette che erano li da tempo, e infatti troverete un'ingrediente, i bruscandoli, che ormai sono come dire, un peletto fuori stagione, ma qui entra in gioco la fantasia, si perchè si possono ovviamente sostituire con quello che più vi piace e che trovate ora.

Ora però vi descrivo questa.

Ingredienti:

500 gr. di macinato di pollo o tacchino
Sedano carota cipolla per soffritto
un mazzetto di bruscandoli
Olio evo
Mezzo bicchiere di vino bianco
Mezzo bicchiere di acqua
Sale e pepe q.b.
1 l. di latte
100 gr. di farina
100 gr. di burro
Noce moscata
Lasagne fresche già pronte


Procedimento:

Per prima cosa dopo aver lavato i bruscandoli metterli in una padella con un pò di olio evo, aggiungere il mezzo bicchiere di acqua e un pizzico di sale, far cuocere a fuoco lento per circa 15 min.

Preparare il ragù iniziando come sempre dal soffritto aggiungere poi il macinato, e sfumare con il vino bianco.
Far cuocere per una mezzora, aggiungendo all'occorrenza un bicchiere di acqua o di brodo, e ovviamente sale e pepe qb.

Per ultima preparare la besciamella facendo fondere il burro, aggiungendo poi la farina e il latte, il sale il pepe e  la noce moscata qb.

Iniziare poi a formare gli strati e infornare a 180° per mezzora.

Ciao a tutti e alla prossima







venerdì 16 maggio 2014

Risotto Gamberetti e Lime

Ciao!
Ormai me la sto mettendo via ultimamente sto riuscendo a condividere una sola cosa alla settimana....e questa di oggi risale ad un pò di tempo fa, era in coda da ormai troppo tempo per farla attendere ancora.

E' una cosa che in realtà io mi sono solo limitata a mangiare, perchè l'ha cucinata la mia dolce metà..e ora vi dico tutto l'occorrente, è davvero molto semplice da fare, ma molto buono e particolare!!

Ingredienti x 3/4 persone:

2 Lime
Una confezione  piccola di gamberetti
3 - 4 bicchieri di riso
mezza cipolla
brodo vegetale qb.
Olio evo

Procedimento:

Per prima cosa far rosolare la cipolla tritata in un pò di olio evo, aggiungere poi il riso e lasciar insaporire per un paio di minuti, a questo punto aggiungere il succo dei lime e mescolare.
Continuare poi con la cottura come un normalissimo risotto, aggiungendo il brodo pian piano.
Un paio di minuti prima di terminare la cottura aggiungere i gamberetti e la buccia grattugiata di mezzo lime.
Impiattare e guarnire a piacere con gamberetti e buccia di lime.

Ecco qui un'idea alternativa per un risotto un pò diverso dal solito.

Ciao e alla prossima ricetta!





domenica 11 maggio 2014

Fragole anche per i bimbi

Ciao a tutti,
Oggi sono qui non tanto a condividere una ricetta, ma un'idea, un'alternativa alle solite fragole fatte con il vino bianco, che possono quindi andar bene sia per i nostri bimbi, che per tutte le persone astemie.

E sono le fragole fatte con il succo di mela (magari metà succo e metà acqua) e la menta, ecco la foto!






Una buona domenica a tutti e alla prossima settimana con tante altre ricette!

mercoledì 7 maggio 2014

Torta facile e veloce

Ben trovati!
Oggi condivido con voi la ricetta di un dolce fatto da mamma, molto ma molto facile dato che va fatta con il tritatutto e dal risultato davvero sorprendente.

Visto che già in diversi dopo averlo assaggiato hanno chiesto la ricetta...eccola qui...

Ingredienti per una tortiera da 24 cm:

150 gr. di mandorle sgusciate
200 gr. di zucchero
150 gr. di farina
1/2 bustina di lievito
un pizzico di sale
3 etti di ricotta
3 uova
gocce di cioccolato e canditi a piacere

Procedimento:

Mettere nel mixer le mandorle con lo zucchero e tritare finemente, aggiungere poi la farina, il sale e il lievito e tritare nuovamente.
Aggiungere  la ricotta e le uova e tritare qualche altro minuto, mettere infine le gocce di cioccolato e i canditi e dare l'ultima leggera tritata.
Ungere i bordi di una teglia con burro e spolverare di pan grattato,  mettere della carta forno sul fondo, versare poi il composto ed infornare a 200° per 45 min. (a seconda del forno) finchè diventerà bella colorata sopra.

Sfornare, lasciar raffreddare e..gustare!

Potrete cambiare poi a seconda dei gusti le quantità con mandorle a 100 gr. e farina a 200 gr. oppure sostituire le mandorle con le nocciole o le noci, a seconda dei gusti, via libera alla fantasia insomma!



martedì 6 maggio 2014

Salame di cioccolato

Bentrovati!
Io è da un bel pò che diserto qui, non perchè non abbia di che scrivere , ho in coda circa 6 o 7 ricette interessanti da postare, ma quello che mi manca aimè è il tempo, e poi vi metterò la foto che vi farà intuire la mia mancanza di tempo di queste settimane..

Ma per oggi condivido la ricetta della 'Zia Giannina' una nostra parente, e ora vi svelo una piccola chicca della famiglia, negli anni abbiamo fatto un piccolo libro dove abbiamo raccolto le ricette dei vari parenti che riuscivano meglio, e ogni tanto è bello riaprirlo e rifare qualcuna di queste, e quella di oggi è un classico, davvero davvero semplice.

Le dosi che vi do servono a fare due salsicciotti, quindi se ne volete meno o di più basta dimezzare o moltiplicare..

Ingredienti:

1/2 Kg. di biscotti secchi
3 etti di zucchero
2 uova
1 etto di cacao (noi abbiamo fatto 50 gr. di cacao e 50 gr. di cioccolato fondente)
1 etto di burro
1 bicchierino di Brandy

Procedimento:

Per prima cosa rompere i biscotti in una ciotola capiente aiutandosi con il batticarne.
In un pentolino sciogliere il burro con lo zucchero, togliere dal fuoco ed aggiungere il cacao e il cioccolato fuso, le uova, il Brandy e i biscotti, amalgamare bene, formare un rotolo aiutandosi con la carta forno leggermente inumidita, avvolgerlo poi nella stessa e mettere a riposare in frigo per almeno 2/3 ore.










E questa invece è la causa della mia mancanza di tempo.....carino vero?



lunedì 28 aprile 2014

Che bello riciclare parte 1


Ciao Amici,
oggi condivido uno spunto da cui partire per creare più ricette, partendo dalla base del motto 'non si butta via niente', e così anche questa volta abbiamo riciclato una cosa che spesso viene buttata, e cioè le foglie del ravanello...

Procedimento:

Lavare per prima cosa le foglie, poi metterle in una padella con un pochino di olio evo e un cipollotto tritato, sfumare con un goccio di vino bianco, un pizzico di sale, e cuocere per circa 5 minuti.
Tritare il tutto, e poi...via libera alla fantasia, potete usarlo per fare una frittatona (come quella nella foto anche se non è riuscita proprio bellissima...), oppure potete usarlo per un risotto, una torta salata, delle crespelle, o un pasticcio...e chi più ne ha più ne metta...
Visto quante cose si possono fare con un ingrediente così spesso bistrattato?

Ciao a tutti e alla prossima ricetta!